Frattesi alla Roma, c’è il piano: Defrel nel’affare

Frattesi alla Roma, c'è il piano: Defrel nel'affare

Con il Sassuolo si studia l’accordo per lo scambio alla pari dei cartellini dei due giocatori

ROMA – La Roma ha un piano per riportare a Trigoria Davide Frattesi. Il club giallorosso ha mantenuto il diritto di recompra dal Sassuolo per quindici milioni, che scade a giugno. Si tratta di una cifra importante, che Petrachi sta provando a limare attraverso un’operazione di mercato creativo, come ce ne saranno tante nella prossima sessione, che si preannuncia molto particolare per gli effetti del coronavirus. La Roma può giocarsi la carta Gregoire Defrel. L’attaccante è stato girato a giugno al Sassuolo in prestito oneroso per tre milioni, con il riscatto fissato a dodici, bonus compresi. E’ un diritto di riscatto, ma tutto lascia pensare che i due club faranno valere un gentleman agreement per il quale a giugno il club emiliano riscatterà l’attaccante secondo l’impegno preso quasi un anno fa.

Il cartellino dell’attaccante francese è la chiave per ammortizzare la spesa necessaria per riprendere Frattesi. Il centrocampista, venti anni, Nazionale Under 21, è il profilo ideale per la nuova strategia giallorossa e nonostante il blocco delle attività Petrachi sta lavorando per riportarlo alla Roma, dopo l’ottima stagione che stava facendo nell’Empoli. Al suo attivo 27 presenze, 5 gol e 2 assist. Ci sono stati sviluppi nelle ultime settimane. La Roma e il Sassuolo stanno lavorando sullo scambio definitivo dei cartellini di Frattesi e Defrel. Il francese resterà in Emilia con Frattesi che dovrebbe tornare a Roma alla pari, anche se il diritto di ricompra è fissato a quindici milioni. La società giallorossa poi si impegnerà a mandare altri giovani del vivaio in prestito al Sassuolo. Il direttore sportivo sta portando avanti l’operazione a fari spenti con gli agenti dei due giocatori, per evitare l’inserimento di altri club. La Juve ha già fatto qualche sondaggio con il Sassuolo e anche Ancelotti lo ha segnalato per l’Everton.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *