bookmark_borderTheo: «Milan, ti riporto in alto. Qui ho tutto per crescere. Stare con Ibra è un dono»

Theo Hernandez, 22 anni. Lapresse

Hernandez pronto a ricominciare: “Questo è un anno importante, mi sono subito adattato alla Serie A e alle pressioni di un top club. I miei gol? È l’ambiente ideale. Lavoro per diventare un leader”

Blue, Roma e Quira, i suoi tre cani, non saranno il massimo della disciplina tattica ma provare a saltarli nel giardino di casa resta un’ottima alternativa alla monotonia del tapis-roulant. Perché tenere palla va anche bene, ma nel calcio di Theo Hernandez la parte migliore arriva sempre dopo: turbo, affondo, gol. Che sia la fase finale di un’azione di gioco o la fine del lockdown, per il terzino che segna come un centravanti cambia poco: “Lavoro giorno per giorno per poter offrire al Milan la mia versione migliore quando si tornerà a giocare”.

Acquisto maglie calcio replica online,maglia Milan replica personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

bookmark_borderSpadafora: “Dopo l’emergenza, la riforma dello sport”

Il ministro Vincenzo Spadafora

Via Facebook gli auguri del ministro, con un pensiero a chi lavora nello sport: “Molti hanno poche tutele e meritano maggiore rispetto: mi sono impegnato a riformare l’intero settore”.

Finita l’emergenza, la riforma. Il ministro delle Politiche giovanili e dello Sport, Vincenzo Spadafora, dal suo profilo Facebook ha rivolto un pensiero “ai tanti lavoratori dello Sport, coloro che, spesso senza le dovute garanzie, lontano dai riflettori, svolgono un’azione fondamentale”. E ha aggiunto: “Molti di loro hanno poche tutele e meritano maggiore rispetto: per questo – quando questa emergenza sanitaria sarà terminata – mi sono impegnato a riformare l’intero settore”.

bookmark_borderIl bomber che ha iniziato da portiere. Chi è Timo Werner

Timo Werner, stella del Lipsia e della Nazionale tedesca. Afp

Ritratto dell’attaccante che ha trascinato il Lipsia ai quarti di Champions e che preferirebbe l’esperienza oltre confine. L’Inter lo aspetta…

Un curioso controsenso. Così particolare da renderlo unico. Questo è Timo Werner, attaccante classe 1996 del Lipsia. Ambizioso, eppure tremendamente impacciato e umile, con qualche leggero problema di pronuncia della “S”, una lettera per niente rara nella grammatica tedesca. Ha cominciato a giocare a calcio a soli 4 anni, quando la sua ambizione massima era davvero particolare: “Volevo stare in porta per avere la scusa di tuffarmi nelle pozzanghere”, ha raccontato in una vecchia intervista alla Gazzetta dello Sport.

bookmark_borderIbra e Maldini, riflessioni in corso. Il Milan attende il rendez-vous

Zlatan Ibrahimovic e Paolo Maldini. LaPresse

Prossimamente l’a.d. Gazidis incontrerà entrambi per parlare del progetto 2020-21: buone possibilità per lo svedese, più in bilico il d.t.

Comunque andrà a finire, si tratterà di due faccia a faccia molto intensi. Fra le varie incombenze che attendono Ivan Gazidis da qui a fine stagione, in agenda ci sono anche gli incontri con Ibrahimovic e Maldini. Due situazioni da gestire con molta cautela e altrettanta delicatezza perché i nomi in ballo sono grossi e le eventuali ripercussioni altrettanto. L’a.d. rossonero dovrà vederli di persona per capire innanzitutto se, e poi come, proseguire lungo la stessa strada. Le incognite sono tante e diciamo che può più o meno succedere di tutto. L’avvertenza è evitare di attendersi tempi eccessivamente brevi per trovare delle risposte: il futuro di Zlatan e Paolo si capirà davvero soltanto lungo l’estate.

bookmark_borderMancini: «Zaniolo in azzurro non è stato un caso. Italia, aspetto settembre»

Roberto Mancini, 55 anni. LaPresse

Il c.t. in collegamento col settore giovanile del Bologna: «Per me l’età non conta, allenatevi duramente e vi chiamo. L’attività della Nazionale? Spero riparta a settembre»

«Zaniolo in azzurro non è stato un caso». A dirlo è Roberto Mancini, che in una videoconferenza con ragazzi e ragazze del settore giovanile del Bologna spiega: «Vidi Nicolò alle fasi finali dell’Europeo Under 19, in cui era sotto categoria, e decisi di chiamarlo. In quella squadra avevo visionato anche Tonali, Scamacca e Kean. A voi ragazzi dico: ‘impegnatevi e allenatevi duro’, perché se avete qualità tecniche e personalità sono pronto a chiamarvi, anche se non avete ancora esordito in prima squadra». Mancini ha poi aggiunto: «Nel mio staff ci sono persone che monitorano il campionato Primavera.
Per me l’età non conta, contano tecnica e personalità. Ragiono così perché io a Bologna ho esordito a sedici anni e mezzo, grazie al fatto che trovai persone che mi diedero fiducia e sono sempre pronto a fare lo stesso. Bisogna dare spazio ai giovani bravi, farli giocare e lasciarli anche sbagliare».

bookmark_borderCR7 e i suoi amori: «domina» Madeira dall’alto col figlio. E prepara il ritorno in campo

Cristiano Ronaldo, 35 anni

Ronaldo continua ad allenarsi in palestra, aspettando di concordare col club il rientro a Torino. Intanto si gode la famiglia e la «sua» isola

Cristiano Ronaldo è volato in Portogallo subito dopo il 2-0 all’Inter dell’8 marzo, ultimo impegno della Juve prima dello stop per il lockdown dovuto alla pandemia di coronavirus. Ora, mentre attende di conoscere la data del ritorno a Torino in vista della possibile ripresa della Serie A e delle coppe, si gode le bellezze dell’isola di Madeira, il luogo in cui è cresciuto sognando di diventare un campione. «Scoprendo la mia isola con la miglior compagnia», ha postato CR7 su Instagram a commento di una foto suggestiva abbracciato al primogenito Cristiano Jr: una veduta di Madeira da un’altura «scalata» dai Ronaldo dopo un po’ di trekking.

ALLENAMENTO—   Un modo come un altro per tenersi in forma, unendo l’affetto della famiglia al duro lavoro in palestra, che il 35enne fuoriclasse bianconero non si fa mai mancare. Superata la preoccupazione per l’ictus che aveva colpito la mamma Dolores, in questi giorni di isolamento CR7 ha continuato ad allenarsi, spesso in compagnia della moglia Georgina: anche lei ha postato su Instagram foto del loro piccolo tour di Madeira, dopo una mattinata dedicata allo yoga.

Acquisto maglie calcio replica online,maglia Juventus replica personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

bookmark_borderAncelotti: «Rangnick? Preoccupano gli allenatori scarsi, non quelli stranieri…»

Carlo Ancelotti, 60 anni.  Ansa

L’ex tecnico rossonero: «Non mi sorprendo che Ibrahimovic giochi ancora, è altruista e attento alle vicende della squadra»

Carlo Ancelotti, tecnico dell’Everton, è tornato sulla questione Rangnick durante una diretta Instagram con Carlo Pellegatti. “Ci siamo incontrati quando allenavo in Germania. Non lo conosco, da quello che leggo era innamorato del Milan di Sacchi, ma la metodologia non la conosco. È straniero? Non c’è da preoccuparsi. Ai tifosi deve preoccupare quando un allenatore è scarso. Ma il Milan sa scegliere gli allenatori e ne ha scelti tanti buoni. La società comunque deve supportare l’allenatore”.

bookmark_borderSpadafora al Cts: «Valutate allenamenti individuali anche per gli sport di squadra»

Vincenzo Spadafora. IMAGOECONOMICA

Il Ministro dello Sport ha chiesto al Comitato tecnico scientifico di ripensarci, consentendo agli atleti degli sport di squadra di riprendere ad allenarsi individualmente

Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora ha chiesto al Comitato Tecnico Scientifico di valutare la possibilità della ripresa degli allenamenti individuali per gli atleti degli sport di squadra. La richiesta del Ministro è stata formulata per iscritto nella serata di ieri ed è attesa una risposta dei tecnici a breve.

bookmark_borderInter, progetto Pogba! Zhang vuole un top e ha un tesoro per sfidare la Juve

Paul Pogba, 27 anni. Getty

Gli addii di Icardi e Perisic possono regalare liquidità. Due nodi: l’ingaggio e le contropartite mancanti. E se parte Lautaro l’obiettivo è Werner, più di Cavani

Pandemia che tutte le certezze porta via. Che estate sarà? Che mercato sarà? Quali giocatori realmente si muoveranno? Ecco, a una domanda però si può già adesso con certezza aver risposta: sarà ancora Juve-Inter. Inevitabilmente, verso l’infinito e oltre, al di là di ogni ragionevole dubbio.

bookmark_borderChe boom i Bulls di Jordan in tv. Anche il Napoli ‘87 lo meriterebbe

Salvatore Bagni, Ciro Ferrara, Francesco Romano e Diego Maradona nel Napoli campione d'Italia 1986-87

Il grande successo della serie The Last Dance suggerisce un tributo per la squadra di Maradona che, come quella del grande cestista, era un mosaico di personaggi

The Last Dance, il docufilm in dieci puntate sull’ultima stagione dei grandi Chicago Bulls (1997-98), sta battendo ogni record di audience. Sia Espn negli Stati Uniti che Netflix nel resto del mondo hanno messo assieme numeri da capogiro con i quattro episodi finora usciti.