Con Cuadrado tre Juve in una. E come impara da Barzagli…

Juan Cuadrado

Conte lo voleva a tutti i costi, Allegri lo ha usato dappertutto, Sarri sta provando a specializzarlo. E con lui da terzino la Signora svolta

Tra l’onnipotente Cristiano e le raffinatissime D mancine, Dybala e Douglas, in casa della Signora si rischia di perdere di vista l’essenziale. Quei riccioli anarchici ormai quasi “normalizzati”: l’esuberanza colombiana di Juan Cuadrado è, infatti, diventata alta affidabilità europea. L’esterno, un po’ terzino, un po’ attaccante e un po’ pure centrocampista, è una delle novità più liete della Signora. Una certezza se la stagione dovesse ripartire proprio perché, in mezzo a tanto talento esagerato, lui ha trovato il suo orticello di normalità.

Anche se non è poi così normale recitare su tanti soggetti: il Cuadrado juventino si sta definitivamente specializzando nel ruolo di laterale destro di difesa, come vuole Sarri, ma continua pur sempre a fare tre ruoli almeno, a volte più di uno all’interno della stessa partita.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *