Serie C/C

Cosenza fermato dall'Akragas, Occhiuzzi: 'Non parliamo di sfortuna'

26.03.2018 15:06

Roberto Occhiuzzi, allenatore in seconda del Cosenza, ha commentato cosi il pareggio interno con l'Akragas: «Non mi piace parlare di sfortuna, volevamo giocare sulle seconde palle e l’abbiamo fatto, siamo rimasti alti nonostante l’inferiorità numerica, i ragazzi c’hanno provato, l’amarezza che ha il pubblico è la stessa che abbiamo noi, ma non dobbiamo mancare di lucidità per quanto riguarda la partita. Oggi abbiamo creato gli spazi giusti per far gol, purtroppo abbiamo fatto errori, il campo non ci ha aiutato, abbiamo rischiato di perdere con un solo tiro in porta, Saracco ha fatto una grande parata. Purtroppo l’espulsione ci ha condizionato, nei cambi e nel resto della partita, il pensiero di mettere qualcosa in più in attacco c’è stato, ma non era semplice perché loro avevano un attaccante veloce ed abbiamo dovuto mantenere un equilibrio, per quanto volessimo vincerla. L’idea di mettere un altro attaccante l’abbiamo avuta ma non è mancato il coraggio, con Mungo al posto di Bruccini dovevamo gestire meglio le forze, considerando che i nostri venivano da 6 partite in 19 giorni. Un allenatore si deve preoccupare se non crea, se non sta nella metà campo avversaria, ma se hai giocatori che mettono in condizioni tutta la squadra di giocare e di riempire l’area il più possibile non è un problema: stiamo lavorando tantissimo sull’ultima fase, quindi non mi preoccupa, portiamo una gran mole di gioco nell’area avversaria, in campi buoni portiamo palla avanti e con un filtrante riusciamo ad arrivare in porta. Si può parlare di imprecisione, ma in campi così magari un rimpallo ti fa fare gol, oggi no».

Commenti

Foggia sfiora l’impresa prima di arrendersi al Parma
Matera, Auteri: "Contro di noi soffrono tutti"