Serie D/H

Serie D: Girone H, Top e Flop della 31a Giornata

18.04.2018 16:44

Gerardo Masini, attaccante del Francavilla in Sinni - Foto Savio Salerno

TOP 11

PORTIERE

Maiellaro (Aversa Normanna) Risponde sempre all' appello quando viene chiamato in causa. Concreto tra i pali, reattivo nelle uscite.

DIFESA

Rizzo (Sarnese) Sicuramente tra i pochi a salvarsi nel grigio pomeriggio dei granata. Nulla da rimproverare.

Bertolo (Potenza) Con una precisa incornata dà il via alla goleada della capolista ai danni del malcapitato Picerno.

Di Bari (Cerignola) Presenza di sostanza e di esperienza al centro del pacchetto arretrato della compagine dauna.

Cacciola (Taranto) Suo l' assist chirurgico per l' inzuccata vincente di Diakitè. Una prova senz' altro convincente.

CENTROCAMPO

Rinaldi (Manfredonia) Il giovane sipontino raddrizza la sfida con il Nardò, approfittando di una mezza dormita della retroguardia neretina.

Di Finizio (Pomigliano) Rapido nel capire lo sviluppo del gioco; preciso quando si tratta di far ripartire la manovra.

Iannini (Cavese) Prima realizzazione con la casacca dei metelliani per l' ex calciatore di Matera e Cerignola.

Guarracino (Turris) Chiude la contesa con il Gravina, finalizzando una micidiale ripartenza. Laborioso anche in fase di non possesso.

ATTACCO

Masini (Francavilla in Sinni) Spedisce al tappetto l' Altamura con una bella doppietta. Mortifero negli ultimi sedici metri.

Esposito (Frattese) Entra a metà ripresa e risolve il derby con la Sarnese, grazie ad un sinistro preciso e potente. 

All. Lazic (Francavilla in Sinni) Bella vittoria in quel di Altamura: la salvezza, adesso, è praticamente dietro l' angolo.

FLOP 11

PORTIERE

Morelli (Team Altamura) Non sempre irreprensibile; qualche responsabilità soprattutto sulla prima rete del Francavilla in Sinni.

DIFESA

Imbriola (Picerno) Pomeriggio difficile in quel di Potenza. Gli attaccanti lucani fanno il bello ed il cattivo tempo.

Basta (Sporting Fulgor Molfetta) Provoca un calcio di rigore, poi fallito dal metelliano Martiniello. Parecchie sbavature sul suo conto.

Di Benedetto (Team Altamura) Qualche amnesia di troppo, al pari di quasi tutti i suoi compagni di reparto.

Donnarumma (Cerignola) Meno propositivo e reattivo del solito. Sostituito a metà della seconda frazione di gioco.

CENTROCAMPO

Ceglie (Gravina) Schierato in posizione più avanzata; la manovra giallobl, tuttavia, non trae grossi benefici.

Formisano (Gragnano) Ad inizio ripresa è autore del penalty (con relativa espulsione) che spiana la strada al Taranto.

Cimino (Francavilla in Sinni) Più sfortunato che colpevole nella circostanza dell' autorete, che per poco non rimette in gioco l' Altamura.

Diomande (Manfredonia) Il giocatore ivoriano, dopo un buon avvio, perde di efficacia con il trascorrere dei minuti.

ATTACCO

Elefante (Sarnese) Qualche movimento apprezzabile; la sostanza, però, alla fine, è che non riesce quasi mai ad essere pericoloso.

Cappelli (San Severo) Poche le occasioni per mettersi in mostra; anche perchè dalle sue parti non arrivano tanti palloni giocabili.

All. Condemi (Sarnese) La sconfitta interna al cospetto della Frattese complica un tantino il discorso salvezza.

DI MIMMO GALEONE

Commenti

Taranto: ‘Giornata pro Taranto’ con il Manfredonia
Serie B: Giudice sportivo, squalificati undici calciatori