Varie

Bisceglie, Marras e Piliego raccontano la marcia verso Cesena e le Finali scudetto

06.06.2018 17:10

IL BISCEGLIE PRONTO A GIOCARSI LA SEMIFINALE SCUDETTO. PILIEGO E MARRAS RACCONTANO LE TAPPE DI AVVICINAMENTO DELL'UNDER 15

 

Sarà il terreno di gioco di Savignano sul Rubicone alle ore 17.30 di martedì 12 giugno ad ospitare Bisceglie-Renate che vale l'accesso alla finale scudetto under 15 nazionale. La squadra sin dalla sera della domenica pernotterà presso l'Hotel Capriccio di Zadina di Cesenatico per preparare al meglio questo momento storico per la società nerazzura. Ultima settimana che ha visto un doppio canale preparatorio: quello tecnico e quello fisico, con l'intero staff impegnato, in particolar modo mister Marco Piliego e Agostino Marras.

"Segreti non ci sono  - spiega il tecnico della formazione under 15 -. Prepariamo il match in tranquillità, divertimento e voglia di migliorarci senza formula magiche. Arrivati a questo punto pensiamo di andar avanti il più possibile giocando bene. Ma una cosa, al di là di tutto, mi preme sottolineare: intorno ai giovani si trasmette attenzione ed esasperazione del risultato, delle classifiche, voglia di ottenere tutto e subito, ingerenze dei genitori nelle questioni tecniche. Fortunatamente qui a Bisceglie c'è un'isola felice dove tutto ciò non accade. Il settore giovanile deve trasmettere valori come la cultura del lavoro e il miglioramento ottenuto col sacrificio. La fine di questo sentiero porta dritto al fallimento, se non si perseguono gli obiettivi precedentemente elencati. Il settore giovanile per molte società rappresenta una spesa, qui no. Siamo un Paese vecchio che non crede nei giovani ed ha paura del cambiamento. Esempio la nostra Nazionale: due esclusioni al primo turno dei mondiali e neanche qualificati alla prossima edizione del 2018 con l'aggravante che ci sono 48 Nazioni. Dobbiamo ripartire tutti dai giovani: iniziamo dal chieder ai ragazzi se si sono divertiti e hanno giocato bene. Tra 20 giorni ci saluteremo con questo magnifico gruppo di ragazzi e spero di aver insegnato qualcosa dal punto di vista del gioco e umano. Ricordo che nella Final Four saremo l'unica squadra a rappresentare il sud tra under 17 e 15. Merito di uno staff eccezionale, tutti compresi nessuno escluso, con cui ho avuto il piacere e l'onore di lavorare. Degli uomini veri e, spero, che anche questa nuova avventura possa regalare grandi soddisfazioni ai nostri ragazzi" .

Come detto è stata una settimana particolare: ecco perché è importante il lavoro di preparazione propedeutica a tenere alto il ritmo da parte di Agostino Marras. “Abbiamo fatto un grande passo avanti come staff. Ci siamo riuniti tutti, studiato attentamente il programma in queste ultime due settimane di tempo per arrivare al meglio al 12 giugno. Dal punto di vista fisico, tecnico e tattico abbiamo fatto capire che si tratta di una partita diversa dalle altre, essendo una gara secca. Sono 70 minuti in cui si decide tutto, differenti da campionato e playoff dove potevamo distribuire forze, tempi, lavoro su due match. Nello specifico in questi giorni post passaggio alle Final Four abbiamo fatto un po’ di scarico dopo il Gubbio. Ricominciato mercoledì scorso e poi la pausa nel weekend. Questa settimana stiamo lavorando su parte tattica, potenza aerobica e tecnica, giovedì lavoro con la palla, venerdì partitella, domenica la partenza per Zadina, lunedì rifinitura e poi martedì la gara”.


Commenti

Bisceglie, Sapio racconta la sua terza semifinale scudetto. "Tra città e under 15 è amore"
Bisceglie-Renate: in palio la finale scudetto under 15